Home > News Italia > Metterci la faccia, come Superman

Metterci la faccia, come Superman

Prendiamo oggi spunto dall’uscita di “Superman”, il nuovo video di Mecna, per utilizzare questo nuovo singolo come cuore di un’analisi su uno degli artisti più originali e interessanti del panorama musicale italiano. Quello pubblicato oggi è  -in ordine di tempo- l’ultimo tassello del mosaico inaugurato a sorpresa il 13 Gennaio con  “Lungomare paranoia” (Qui trovate la nostra recensione) e conferma l’attitudine unica nella produzione aritstica e discografica di Mecna e di tutto il suo team. La sceneggiatura del video si basa su uno slideshow di foto scattate dai fan durante le date del tour attraverso alcune macchinette usa e getta distribuite dallo stesso artista e raccolte a questo link.
Il vero tocco di originalità è rappresentato però dai playback inseriti all’interno delle istantanee, Mecna infatti impersona i suoi fan per cantare il pezzo più autoironico del disco. Nell’epoca dei video costantemente patinati, con idee sempre più standardizzate, quello realizzato da Lvnar è così l’emblema della voglia dell’artista pugliese di mettersi in gioco per l’ennesima volta. In tutta la sua carriera Mecna non si è mai nascosto, ha sempre fatto il suo ritagliandosi a testa bassa e con originalità il meritato spazio. Non ci sono maschere a contrapporsi tra l’artista e l’ascoltatore, proprio come in Superman, non ci sono travestimenti completi ma tantissimi Lois Lane che non si accontentano della musica ma mirano a scoprire obbligatoriamente qualcosa di più. Corrado con la sua musica riesce a coinvolgere attraverso la semplicità cancellando l’isterica ricerca della verità mettendosi a nudo davanti ai suoi ascoltatori e questo ultimo singolo ne è l’ennesima dimostrazione. “Vieni via” prima traccia estratta da “Lungomare Paranoia” conteneva concetti come: “Non sarò disco d’oro ho perso le forze, ma ho scritto le canzoni con dentro le cose nostre. Parlo sempre di me, perché so troppo poco e cerco di scoprire da chi mi nascondo quando sto da solo” a dimostrazione di come alla base della produzione artistica di Mecna ci sia prima di tutto il racconto, la narrazione delle cose semplici quelle che riguardano tutti dove è più difficile alle volte mettere la faccia tanto per paura delle critiche quanto per paura di fallire in un mondo che apprezza più gli “effetti speciali” o le prestazione straordinarie delle cose fatte con il cuore.

You may also like
Mezzosangue più Rancore: Ascolta ora “Upside Down”
Scarica PUT¥∆ $øUND e cambia il mood della tua estate!
“We Going On”: torna Inoki con Big Rapo & Mazza Ken
Croma è fuori col disco “CUORE”!

Fammi sapere cosa ne pensi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: